DE
IT

Pensieri e fantasia

Liberi come il vento ma comunque tangibili

Aneddoti, storie e pensieri. Raccolti e così immortalati, nero su bianco. Ciò che ci caratterizza e ci rende ciò che siamo.

Voce 1

Mio nonno si è innamorato
della “Riviera delle Dolomiti”

Quattro generazioni fa’, oppure nel 1954, mio bisnonno, Franz Wenter, si era fissato sull’idea di costruire un hotel a San Genesio. “Proprio qui?”, mi sono chiesta varie volte, un paese sconosciuto sia da lui che da sua moglie Maria, che entrambi provengono da altre parti. All’epoca era un paesino fuori dal mondo, non aveva una strada e così non poteva neanche averlo conosciuto passando. Infatti, l’unico mezzo che collegava San Genesio alla città di Bolzano era la funivia. Ed è infatti per questo che me lo immagino dentro la cabina della funivia, salendo sempre più in alto. Lo vedo davanti a me a contare, per farsi passare il tempo, i massicci delle Dolomiti. Forse era la prima volta che li ha visto così, nel Suo intero impressionante. Forse invece, era la posizione reclusa di questo paese che lo ha affascinato. Oppure l’altitudine di 1.100 metri e l’aria cristallina di montagna di cui più tardi dirà che è noto “per il suo clima mite come la riviera delle Dolomiti”. Sono proprio le sue esaltazioni di questo dépliant che mi fanno allo stesso momento divertire ma anche capire che tipo di persona era. Un visionario. Uno, che facevo ciò in cui credeva, indipendentemente dalle opinioni altrui. E così, più di 60 anni fa’ ha inaugurato il Suo hotel “paradiso al sole” in un paesino senza strada. Il Suo amore per questo mestiere lo ha trasmesso alle tre generazioni che lo seguivano e che, a loro volta, si sono attecchissi in questo paradiso con l’hotel “König Laurin” e l’hotel “Tschögglbergerhof”.

 

Nel frattempo, anche San Genesio ha ricevuto una strada. E come ogni buona storia, anche questa lascia trionfare il protagonista: la sua esaltazione sull’effetto benessere di un soggiorno in questa altitudine ormai è stato verificato da una rilevazione austriaca (AMAS Höhenstudie 2000), la funivia verrà ricostruita nel 2020 per reinserirla come principale mezzo di trasporto tra San Genesio e Bolzano. E noi? Questa storia sarà oggetto del prossimo racconto.

Voce 2

Ogni impresa a gestione familiare si trova, prima o poi, di fronte a questo quesito: chi vuole continuare a occuparsene? C'è qualcuno che sa occuparsene? C'è qualcuno che dovrebbe occuparsene? E se ci fosse qualcuno che sa e dovrebbe occuparsene, la vera domanda è: vuole veramente farlo? A noi è andata pressappoco così.

L'esperienza di nonna Traudl non reggeva paragoni con quella degli altri sette familiari, ma anche lei ammetteva di non vedere l'ora di lasciare la responsabilità alle generazioni successive. Forse a sua figlia Hedwig, il cui repertorio di battute sempre pronte non supera solo per poco il numero di personalità che si affollano nella sua vita; da maestra di scuola elementare a insegnante di yoga, da sindacalista a imprenditrice, da eco-mamma a sommelier.  Una contraddizione? Nient'affatto, e ciò ce lo confermano le prime parole che scambiamo con lei. Ma chi può dire se le si addice anche il ruolo di manager dell'hotel? Poi c'è Nadja, la figlia maggiore di Hedwig, che dopo aver trascorso parecchi e sereni anni, studiando (molto volentieri) all'università sulle coste soleggiate del Portogallo e successivamente (decisamente molto meno volentieri) nel gelo polare sul confine canadese, ha infine deciso, poco tempo fa, di stabilirsi a Dublino.  Chissà se vuole di nuovo prendere in mano la sua vita e risistemarla?

Se in questo testo non ci fosse un paragrafo che cominciasse con "ma poi c'è anche Claudia..." potremmo anche chiudere qui il discorso. Ma, poi c'è anche Claudia. E Claudia sente, più dei suoi coetanei, ma anche più della maggior parte di noi, di avere una vocazione. Non ha mai perso tempo, pensando a prospettive lavorative come l'astronauta o la dentista, perché Claudia sa cosa vuole. Vuole lavorare a contatto con le persone, preferibilmente persone che siano in vacanza, e non siano soffocate dallo stress quotidiano. Sa cercare il piatto di porcellana, quello perfetto, anche se le ci vogliono ore, senza batter ciglio, sa elencare tre tipi diversi di acciughe, ed è probabilmente l'unica persona sulla terra, ad appassionarsi ad una discussione sui vantaggi delle lenzuola semplici rispetto alle lenzuola con angoli. In breve: ha veramente un concreto interesse ad assumere la gestione dell'hotel e portarlo avanti. E con l'incredibile fascino e capacità persuasiva, come solo il più giovane membro di una famiglia sa fare, non ha tardato a reclutare anche Hedwig e Nadja. Con la premessa, che la gestione comune avesse lo scopo di essere utile al benessere generale, perché solo con i soldi e con il successo, nessuno avrebbe attraversato il canale della manica o si sarebbe alzato dal tappetino per fare yoga. Ed è così, che le nostre tre protagoniste hanno scelto uno scopo per la loro impresa, uno scopo che interessasse a tutte in tal modo, da volergli dedicare la loro vita.

La prova dell'otto di questa ricerca era un semplice questionario, la cui essenza può essere riassunta nei tre seguenti quesiti:

  1. Se avessi dei nipoti, gli darei sinceramente questi due consigli.
  2. Mi dispiace, non avere tempo per __________________  nella mia vita quotidiana.
  3. _____________________________ è la cosa che mi fa stare più in pensiero nella mia vita quotidiana.

 

Provate anche voi a dare una risposta a queste frasi, vi garantisco che vi aiuteranno ad avvicinarvi al vostro io.

Nella prossima lettera vi racconterò come abbiamo fatto a intuire lo scopo della nostra impresa dalle risposte.

Voce 3

Vivere la natura, perchè noi stessi siamo natura: la filosofia del Saltus ECO Hotel

Da un recente sondaggio il 40% degli intervistati ha confermato che la loro principale motivazione per vivere appieno la vacanza è di riscoprire il dolce far niente. Il 37% desidera diminuire lo stress. La metà dei turisti è interessata ad apprendere tecniche per il rilassamento attivo, mentre uno su cinque desidera approfondirne la conoscenza per un approccio consapevole (Fonte: studio degli Wellness Hotels & Resorts 2016).

“Lo scopo della nostra attività deve contribuire al bene comune” questo era il presupposto basilare che la nostra famiglia si è posta nell’impostazione e nella realizzazione del futuro progetto. Desideriamo agevolare il rilassamento per ridurre lo stress. E siamo convinti che è impossibile raggiungere un rilassamento durevole, se non attraverso la presenza nella natura e il contatto con essa. Innumerevoli indagini hanno confermato scientificamente che la natura contribuisce in grande misura al nostro benessere e alla nostra salute. Il professore Roger Ulrichs, per esempio, ha scoperto nel 1984 l’effetto benefico della “vista verde”. Il suo studio, svolto in un ospedale, ha confermato che i pazienti che erano stati sistemati in camere con vista sul parco o su alberi, mostravano un processo di guarigione nettamente più rapido rispetto ai pazienti senza la” vista verde”. Inoltre i primi dimostravano minor bisogno di farmaci antidolorifici. Ricercatori giapponesi hanno dimostrato che una permanenza nel bosco di anche solo tre ore ha migliorato le risorse del nostro sistema immunitario - con effetto durevole! Ci sarebbero ancora molti studi interessanti da citare e tutti con la stessa sintesi: la natura aiuta la nostra salute e felicità e quindi va protetta.

È per questi motivi che il Saltus è un Eco Hotel. Si trova sul ciglio del bosco, a oriente si estendono le Dolomiti, patrimonio mondiale UNESCO ed a occidente si estende il favoloso altopiano del Salto con i suoi maestosi larici. Queste meraviglie della natura vanno godute, ma decisamente anche protette. Oppure, come dice Andy Warhol: “Credo che avere la terra e non rovinarla sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare.” Nel nostro mini-mondo Saltus vogliamo dimostrare che sia il viaggio, sia i piaceri offerti dalla permanenza prevedono il rispetto e la tutela dell’ambiente naturale:il viaggio in treno (che premiamo con il 5% di sconto), servizio navetta dalla stazione all’hotel ed in loco, l’accesso gratuito a tutti i mezzi pubblici. I materiali da costruzione sono naturali (la pietra di porfido rosso della trincea è stata installata come pavimento nella piscina e le nostre camere hanno muri e pavimenti di calce e argilla ecc.). Nell’organizzazione interna evitiamo la plastica monouso, l'energia elettrica sfrutta fonti rinnovabili, raccogliamo l’acqua piovana, opzione vegana come menù serale ecc.

Tutte queste misure incidono sulla salvaguardia della natura; anche per questo all’interno dell’hotel sono stati creati molteplici siti per ammirarla nelle sue varie sfaccettature: la loggia del bosco con la rilassante “vista verde” dei prati e dei boschi, il centro benessere Forest Spa, collocato in mezzo ai pini ed agli abeti rossi, mentre il mondo balneare si trova sul punto più elevato dell’hotel - pari a pari con le cime delle Dolomiti.

Noi crediamo che un’efficace protezione dell’ambienta può avvenire solamente attraverso la motivazione intrinseca. Perciò vogliamo aumentare il numero degli amanti della natura che diventeranno automaticamente protettori d’essa - anche Voi?

Invia la richiesta

Voce 4

Il Saltus Relaxation Program

Il Saltus Relaxation Program: Decelerare per rilassare

 

Nello svolgimento della nostra attività nella gestione dell’hotel ci siamo accorti che oggigiorno la nostra quotidianità ci impone impegni, ritmi, prestazioni che sottopongono il nostro fisico e la nostra mente a un eccessivo affaticamento e diminuzione di risorse legate ai nostri reali bisogni di ricarica e rigenerazione.


Queste considerazioni, poste all’attenzione anche dei nostri collaboratori, hanno costituito il presupposto basilare nella tipicità della progettazione del nuovo Hotel “Saltus”: non solo “un” wellness hotel, ma un luogo di leggerezza e serenità da ritrovare soprattutto nel contatto con la natura: I dolci profumi e suoni del bosco con il canto melodico degli uccelli, il verde dei prati punteggiati di colori, gli animali delle alte quote, il magnifico cielo stellato…


Questo è l’ambiente naturale in cui ci troviamo e nel suo pieno rispetto una struttura armoniosa che risponda ai requisiti che ci siamo prefissi. Immaginavamo un luogo dove, accanto a momenti di meditazione e riflessione, si potessero alternare occasioni di incontro conviviale. Per soddisfare le varie esigenze degli ospiti l’approccio al rilassamento sarà personalizzato e quindi all’Hotel “Saltus” il programma relax prevede diverse attività integrate: yoga, meditazione, forest bathing, rilassamento progressivo Jacobson, Qi Gong ecc. La sera, la nostra sana e gustosa tradizione culinaria costituita da prodotti genuini e prevalentemente locali e la nostra fornitissima cantina, con vini bianchi, rossi, spumanti, favoriranno un momento di piacevole convivialità a lume di candela.


Natura, attività, piacere: questi i tre pilastri fondamentali dell’ Hotel “Saltus”!


“Il mondo appartiene a chi lo sa apprezzare”
Giacomo Leopardi